HOME VISO CORPO SOLARI UOMO BENESSERE
HOME
VISO CORPO
SOLARI
UOMO
BENESSERE
PERSONALIZZA
CONSERVAZIONE
FOTO GALLERY
NEGOZIO ON LINE
COME PAGARE
PENSIERI
RICHIESTA
 

la_scatola_d%27oro









"In un essere umano tutto dovrebbe essere bello:
il viso, i vestiti, l'anima, i pensieri"


 (Anton Cechov)


 

...Il cuore di Margherita ebbe un tale tuffo che non riuscý neppure ad afferrare la scatoletta. Si riprese, l'aprý e vide che c'era un grasso unguento giallo. Le parve che odorasse di palude. Con la punta del dito Margherita se ne mise un poco sul palmo e più acuto giunse l'odore d'erbe di palude e di bosco. Col palmo cominciò a spalmarsi la crema sulla fronte e sulle guance.
La crema si spalmava con facilità e Margherita ebbe l'impressione che evaporasse immediatamente. Dopo qualche frizione, si guardò allo specchio e lasciò cadere la scatoletta che andò a finire proprio sull'orologio incrinandone il vetro.
Chiuse gli occhi, poi si guardò un'altra volta e scoppiò in una folle risata.
Le sopracciglia sottili depilate con la pinza si erano fatte più folte e formavano due archi neri regolari sugli occhi d'un verde più intenso. La sottile ruga verticale alla radice del naso, formatasi dopo che era scomparso il Maestro, non c'era più. Erano sparite anche le ombre giallognole dalle tempie e le piccole rughe appena segnate agli angoli degli occhi. Le guance s'erano fatte rosee, la fronte bianca e limpida e l'ondulazione eseguita dal parrucchiere s'era disfatta.
L'immagine di un donna sui vent'anni, scossa da un riso irrefrenabile, dai capelli neri e ondulati naturalmente, guardava dallo specchio la trentenne Margherita.
Ella rise e saltò fuori dall'accappatoio; prese un'abbondante dose di unguento e cominciò a spalmarselo con vigorosi massaggi sul corpo, che divenne subito roseo e pieno d'ardore. Improvvisamente, ebbe l'impressione come se le avessero tolto uno spillo dal cervello, s'acquietò il dolore alla tempia che, dopo l'incontro sulla panchina, l'aveva tormentata. I muscoli delle gambe e delle braccia si rinvigorirono e, poi, il corpo di Margherita perse di peso.
Fece un salto e rimase sospesa da terra, sopra il tappeto. Poi si sentý lentamente trascinata di nuovo per terra. "Che unguento! Che unguento!"gridò, lasciandosi cadere sulla poltrona.
Le frizioni la modificarono non soltanto esternamente. Ora in lei e, in tutte le cellule del suo corpo, ribolliva una gioia che avvertiva come un formicolio diffuso.
Margherita si sentý libera, libera di tutto
...

  (Michail Bulgakov - Il Maestro e Margherita)


HOME | VISO CORPO | SOLARI | UOMO | BENESSERE
Site Map